Diete fai date: quando il web alimenta un dimagrimento del buon senso.

pubblicato lunedì 15 aprile 2019 da Marco Forti

Ciao a tutti, mi chiamo Marco e sono obeso da molti anni... sembra un po' l'inizio di una seduta di gruppo degli alcolisti anonimi, durante la quale ci si presenta e si racconta quelle che sono le proprie cattive abitudini. Ho sempre cercato di modificare le mie abitudini alimentari, in parte riuscendoci anche e dimagrendo qualche chilo, ma è proprio grazie al web ed al lavoro che svolgo che ho scoperto che a prescindere dai motivi per cui si è obesi, che possono essere di salute o psicologici o entrambi, è proprio nella ricerca della soluzione all'obesità che il web ha dato prova di essere una vera fonte falsa e pericolosa di informazioni.

Banalmente, ma anche realisticamente, andiamo a cercare su internet le risposte alle nostre domande e alle nostre esigenze, spesso ancora prima di chiederci se possiamo trovare delle risposte altrettanto (se non di più) efficaci al di fuori della rete. E queste domande molto spesso riguardano la nostra salute.

Cosa cerca chi vuole dimagrire?

Integratori alimentari e pillole "bruciagrassi": se veramente esistesse una pillola bruciagrassi, senza controindicazioni e magari con contenuti naturali immagino che molte persone (me compreso) sarebbero molto contente. Fino a pochi anni fa il mondo delle pillole bruciagrassi era relegato a pochi spot che giravano in tv, o a qualche pubblicità sulle riviste. Oggi purtroppo, grazie al web, le possibilità di trovare questi prodotti sono praticamente illimitate. Facebook è uno dei canali più utilizzati, grazie a società che utilizzano sistemi di guadagno piramidale e che spingono ragazzi (sopratutto ragazze) a diffondere e vendere confezioni di pillole di dubbia provenienza e composizione chimica, veicolando un messaggio all'interno di centinaia di gruppi. E non è importante che il gruppo dove viene veicolato il messaggio sia inerente alla salute ed al benessere, poiché il dimagrimento può interessare chiunque. Sicuramente vi sarà capitato di leggere messaggi pieni di esortazioni e emoticon sorridenti e ammiccanti, e promesse varie di dimagrimenti abbinate a foto prima-dopo il risultato. Naturalmente dietro a un messaggio così nella stragrande maggioranza dei casì non aspettatevi la presenza di un professionista serio come un dietologo o un nutrizionista. Bene che vi vada i prodotti, pubblicizzati come infallibili bruciagrassi, sono dei "semplici" integratori alimentari, i quali, come indicato dal Ministero della Salute, sono dei prodotti composti da una fonte concentrata di sostanze nutritive in forma predosata, e vanno ad integrare quella che è la normale alimentazione. Ancora peggio di Facebook, ma comunque inerente al web, c'è Whatsapp per veicolare false proposte di dimagrimento. Il motivo è semplice: grazie alle notifiche "push" il messaggio viene inviato e notificato in maniera immediata e solo alle persone che fanno parte di un gruppo conosciuto, o magari che sono nella propria rubrica. È come creare una sorta di connessione tra chi ha il bisogno e chi la soluzione; è qualcosa che fa leva sul fatto che il messaggio viene da una persona di fiducia o comunque conosciuta. Anche quando questo viene fatto in buona fede rimane una cosa concettualmente sbagliata.

Diete varie: anche qui il panorama è tra i più deludenti. Avrete probabilmente sentito parlare della "dieta a zona", o di quella "dissociata", o di quella "0 carboidrati". Ogni persona, grassa o magra che sia, ha intrapreso almeno una volta nella vita una dieta. Una dieta magari consigliata da qualche amico, o da un genitore, o peggio che mai trovata su internet. Perché ancora una volta il web è nocivo? Semplicemente perché tutte le diete che potete trovare non è detto che siano compatibili con il vostro organismo. In alcuni casi sono addirittura nocive. La presenza di pubblicità ingannevoli, di testimonial famosi e di grandi promozioni non fa che incentivare un approccio sbagliato, figlio purtroppo di un accesso alle informazioni troppo immediato e spesso non approfondito o non finalizzato da un parere medico e scientifico.

Risposte ai consulti medici: esistono in rete numerosi blog di natura medica o presunta tale che permettono alle persone di fare domande di tipo medico come se le facessero a un dottore in carne ed ossa, e per ogni domanda vengono date delle risposte da utenti abilitati. Non metterò link a questi siti, provate a cercarli per soddisfare la vostra curiosità. In casi come questo non possiamo sapere se dietro alle risposte ci sano davvero dei dottori o delle persone qualificate per poter rispondere e poter dare un consulto online, quello che possiamo pensare però è che una domanda sul web non sostituisce in maniera completa una visita dal dottore o un esame clinico con tanto di referto.

Da quello che ho scritto sopra emergerebbe un quadro fortemente negativo, ma non è sempre così. Sul web infatti in termini di salute si trovano anche molte informazioni abbastanza attendibili, come ad esempio i valori nutrizionali (le calorie, il contenuto di carboidrati e di grassi, le fibre etc) della maggior parte degli alimenti, o suggerimenti e ricette di cucina. Queste informazioni possono tornarci utili poiché vanno ad integrare quelle che ci sono state già fornite dal dottore o dal dietologo che sta seguento il nostro percorso di dimagrimento.

Ancora una volta il web si dimostra uno strumento tanto potente quanto pericoloso, specialmente se lasciamo volutamente che entri in contatto con quello che riguarda la nostra salute. Lasciate che il web sia al vostro servizio, e non diventatene schiavi per qualsiasi cosa, ma sopratutto tenete sempre bene in mente che con la salute non si scherza e che se volete intraprendere un percorso di cura personale, o volete raggiungere il vostro peso forma l'unica cosa che dovrebbe fare il web per voi è aiutarvi nella ricerca di un serio professionista, come un dottore, un dietologo o un nutrizionista.